Carta dei servizi - Richiesta e Ingresso

L'ITER DELLA RICHIESTA

Alla domanda presentata viene attribuito un numero di protocollo. L'operatore addetto all'accoglienza organizza una visita all'interessato/a per prendere conoscenza con il potenziale utente, per stabilire un primo contatto con la persona e la sua famiglia e per valutare insieme i bisogni ed i conseguenti Servizi e protocolli di assistenza necessari. La visita è finalizzata alla valutazione multidimensionale dell'anziano, attraverso l'utilizzo di scale di valutazione del bisogno socio sanitario, e si sostanzia nella valutazione tradotta in un punteggio, utile definizione della posizione dell'utente nelle liste di attesa. Per i richiedenti ricoverati in altre R.S.A. ovvero in ospedali o case di cura la valutazione multidimensionale viene effettuata sulla documentazione cartacea compilata dal medico di medicina generale o dal medico proponente il ricovero. I malati affetti da demenza con disturbi del comportamento, certificato dal medico di medicina generale o da un medico specialista, sono collocati in una lista specifica.

Per tutti i richiedenti l'inserimento effettivo nella lista d'attesa avviene con l'aggiornamento successivo a quello della data di consegna della domanda.
Ad ogni disponibilità di posto, la RSA attiverà l'accesso alla struttura della prima persona nelle liste di attesa.
Dopo aver definito la data dell'inserimento nella R.S.A., la Direzione dell'Istituto "De Rodolfi" resta in attesa dell'ingresso della persona fino al termine stabilito decorso il quale la Direzione attiva l'accesso all'utente che succede in graduatoria.
È facoltà della Direzione concedere eventuali proroghe se opportunamente motivate e concordate. Il/la richiedente ovvero i suoi familiari o aventi causa hanno facoltà di rinunciare per due volte all'ingresso in R.S.A. conservando il posto in graduatoria. Alla terza rinuncia la Direzione dell'Istituto "De Rodolfi" comunica la decadenza della domanda e la perdita del diritto a conservare l'inserimento nella lista d'attesa.
Prima di procedere all'ammissione dell'ospite, l'Istituto provvede a darne tempestiva comunicazione al Comune di residenza.


L'INGRESSO IN RSA

L'operatore responsabile del procedimento, mediante documentazione cartacea, informa preventivamente l'equipe di nucleo circa il nuovo ingresso.
L'operatore addetto all'accoglienza ovvero un operatore incaricato accompagna i familiari del nuovo ospite presso gli Uffici Amministrativi dell'Istituto "De Rodolfi" per la consegna dei documenti (carta d'identità, tesserino sanitario, eventuali esenzione ticket).

L'equipe di nucleo (medico, infermieri, ASA ed equipe psico-sociale):

  • accoglie l'ospite e i suoi familiari;
  • raccoglie dal parente:
    • l'anamnesi dell'ospite ed eventuali referti sanitari
    • la dichiarazione del/dei nominativo/i di riferimento tra i familiari in caso di comunicazioni
    • le prime informazione sulle abitudini quotidiane e gusti dall'ospite
  • effettua la prima valutazione multidimensionale dell'ospite e stila un primo Piano Assistenziale Individuale (PAI) entro i primi 7 giorni di ricovero.

L'ASA (Ausiliario Socio-Assistenziale) o altro operatore incaricato:

  • accompagna l'ospite nella stanza e lo aiuta a riporre gli effetti personali;
  • mostra all'ospite i locali, le zone comuni e lo presenta a tutti gli altri residenti del nucleo;

La segreteria amministrativa

- accoglie i familiari raccoglie i documenti amministrativi ed i dati anagrafici
- comunica alla lavanderia il nome ed il numero identificativo assegnato al nuovo ospite, da applicare su tutti i capi di vestiario, salviette, ecc
- consegna all'ospite (o in sua vece ai suoi garanti quanto ritenuto opportuno dalla Direzione Sanitaria):

  • copia del "Regolamento di ammissione e vita comunitaria" in R.S.A.;
  • copia del Contratto d'ingresso che viene sottoscritto dalle parti.